Teatro studentesco al “Baretti” fra… Shakespeare e Cervantes

Lo sapevate che Shakespeare e Cervantes sono morti entrambi il 23 aprile? E che… entrambi hanno quasi un debito con Mondovì?

Teatro studentesco al “Baretti” fra... Shakespeare e Cervantes

Lo sapevate che Shakespeare e Cervantes sono morti entrambi il 23 aprile? «Che strana coincidenza!», viene da dire. E infatti è proprio così: tanto che quei furbacchioni dei “Servi di scena” ci hanno fatto un titolo. “Strane coincidenze”, la settima edizione della rassegna teatrale studentesca “Tutti in scena”, sta per arrivare a Mondovì. La finale va in scena al Baretti, ovviamente il 23 aprile. E non crediamo sia una coincidenza.

Il teatro nelle mani dei ragazzi
Alla rassegna parteciperanno studenti dei Licei “Vasco-Beccaria-Govone”, del “Garelli”, del “Cigna”, del “Baruffi” e anche dellIistituto “Casati-Baracco”. Gli studenti saliranno sul palco dal 18 al 23 aprile: al mattino spettacoli per le Scuole, alla sera alle 21 per il pubblico. «Un festival nato sette anni fa, con un po’ di… incoscienza – scherza Michele Rados, anima dei “Servi di scena” –. Il tema “Strane coincidenze” risale più o meno al periodo della nascita del gruppo. Così quest’anno abbiamo pensato di sperimentare un diverso approccio per i gruppi studenteschi, accantonando il “tema” che offrivamo negli anni scorsi ai laboratori scolastici ed eliminando gli “oggetti obbligati”. Abbiamo dato questo unico titolo e una scena uguale per tutti: composta da una panchina, un tabellone con gli orari ferroviari e un orologio (e poco più, e solo se indispensabile). Vedremo quali soluzioni avrà provocato questo cambio di rotta». La premiazione avverrà la sera di sabato 23 aprile, con spazio ovviamente per la doppia ricorrenza legata ai due poeti e drammaturgi: chi vuole potrà partecipare con una dedica, un brano, un breve monologo o dialogo.

Le “coincidenze” fra Shakespeare, Cervantes… e Mondovì
E parlando di “strane coincidenze”… quella sulla data non è mica l’unica. La più incredibile sta nel fatto che “quei due”, Shakespeare e Cervantes, hanno entrambi una sorta di debito con la città di Mondovì. Tanto per riportare alla luce una storia “nota ma non troppo”, ricordiamo che sia il papà di Romeo e Giulietta che quello di Don Chisciotte e Sancho Panza attinsero – in alcune parti della loro produzione – alle opere di Gianbattista Giraldi Cinzio, drammaturgo di Ferrara che si trasferì a Mondovì nel 1564. E qui lavorò a due testi, “Il Moro di Venezia” e la raccolta “Ecatommiti”, le cui trame furono utilizzate dall’inglese per “Otello” e dallo spagnolo per il “Persile e Sigismonda”. Guarda un po’, talvolta, le coincidenze.

– See more at: http://www.unionemonregalese.it/Territorio/Mondovi/Teatro-studentesco-al-Baretti-fra-Shakespeare-e-Cervantes#sthash.nTS3DKZy.dpuf

  • Facebook
  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

FESTIVAL TEATRALE STUDENTESCO 2016 – TUTTI IN SCENA 7

Tuttiinscena7

  • Facebook
  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

#TEATRO : i Servi di Scena compiono 10 anni

06/04/2016 di Marco Turco

I “Servi” infatti sono andati sempre un passo oltre alla semplice messa in scena delle opere (che comunque non è mai mancata: nel 2009 hanno gestito il laboratorio teatrale con ragazzi ed adulti disabili della Comunità “Papa Giovanni XXIII”, l’anno dopo hanno messo in scena una nuova versione dell’Amleto di Shakespeare) e nel 2010 hanno rimesso in sesto un progetto vecchio di 30 anni: la rassegna di teatro studentesco per le scuole. Così nasce “Tutti in scena”, che sta per raggiungere la settima edizione: «Idealmente figlio del Festival 1985 e ‘86, pioneristico e avventuroso, lo abbiamo fatto tornare in una realtà scolastica un po’ mutata – racconta Rados –, con laboratori teatrali scolastici ormai accettati, se non accolti con entusiasmo. Il nostro lavoro di promozione del teatro si è infiltrato in ogni ordine scolastico e grado, con momenti di grande soddisfazione. Col Festival, abbiamo visto arrivare sul palcoscenico del “Baretti” un centinaio di studenti all’anno, abbiamo apprezzato il continuo miglioramento della qualità delle messe in scena, abbiamo notato con molto piacere il progressivo maggior coinvolgimento degli insegnanti referenti e l’apporto creativo e professionale degli esperti che le Scuole hanno calamitato».

C’è qualcosa che si poteva fare ma non è stato fatto? A Mondovì si può fare qualcosa in più per il teatro e, se sì, chi potrebbe fare qualcosa? «Non è “il fare qualcosa in più”: il fondamentale è “cominciare” a dare dignità culturale e sociale al teatro. Il resto, forse, verrebbe al seguito. Dire che bisognerebbe spingere perché il teatro abbia più attenzione sembra ovvio: ci sono radici, ci sono stati teatri. Ma sembra che le radici siano ormai appannaggio degli storici e che i teatri siano nostalgia polverosa. Come “Servi di scena”, non sono poche le iniziative che continuiamo a tenere nel cassetto per limiti organizzativi e per difficoltà economiche. Tutto il nostro lavoro è volontario. Sostenere le spese di allestimento di uno spettacolo, avere dei locali prove e per ricovero materiali, curare le partecipazioni alle varie manifestazioni non è uno scherzo. Il Festival può continuare grazie al Comune che mette a disposizione il “Baretti” e ai contributi, della BM e di “Assicurazione Gastaldi”. L’edizione 2016 è dietro l’angolo».

– See more at: http://www.unionemonregalese.it/Territorio/Mondovi/Teatro-i-Servi-di-scena-compiono-10-anni#sthash.hNlwX7qE.dpuf

  • Facebook
  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

I 7 VIZI CAPITALI

vizi

  • Facebook
  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Mondovì: i risultati del 6^ Festival Studentesco

E’ giunta al termine anche la 6^ edizione del Festival Studentesco, quella 2015.

Organizzato dal “Baretti” di Mondovì dai “Servi di Scena”, la consegna dei premi è avvenuta martedì 12 maggio dopo l’esibizione fuori concorso di un apprezzato spettacolo del nuovo laboratorio teatrale del Collegio Casati: l’iniziativa è stata accolta con calore dal pubblico.

Di seguito, l’elenco dei premi.

– PREMIO MIGLIOR ALLESTIMENTO: per il ritmo, il montaggio e l’affiatamento del gruppo nell’articolazione dello spettacolo – AI LICEI

– PREMIO SPECIALE COSTUMI: per l’essenzialità della messa in scena e la qualità dei costumi frutto del laboratorio didattico dedicato – AL CIGNA (premio consegnato dall’ assessore alla Cultura Schellino)

– PREMIO GIOVANNI GREGORIO: per aver realizzato uno spettacolo corale dove ogni interprete ha potuto esprimere al meglio le proprie capacità – AL GIOLITTI-BELLISARIO (premio consegnato da Marco Prette)

– MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA: Gilda Cerova (Baruffi)

– MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA: Daniele Gallina (Licei)

– MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA: Rebecca Boglione (Giolitti)

– MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: Paolo Monge (Cigna)

– PREMIO COINVOLGIMENTO DEL PUBBLICO: Lea Lau (Baruffi)

– PREMIO GESTUALITÀ: Ilaria Violi (Licei)

– PREMIO FONDAZIONE ALPI MARITTIME ONLUS: replica al teatro Vacchetti di Carru domenica 17 maggio: GIOLITTI e CASATI

Dai Servi di Scena è poi venuto un vivo ringraziamento al Comune per la concessione del Baretti; al Centro di Formazione Professionale del Beila per il “trucco e parrucco”; alla Fondazione Alpi Marittime onlus per il sostanziale contributo; a Guido Ferraro  per il service, a Simona Giacosa e Andrea Mongardi per la costate assistenza di scena.

  • Facebook
  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS
 Page 3 of 13 « 1  2  3  4  5 » ...  Last »